un sermone da Aiuto Biblico

Un sermone
dal Pastore Marco deFelice

Preghiamo che questo sermone ti sarà di aiuto a conoscere di più Dio per mezzo di Gesù Cristo, aumentando la tua fede.

Per stampare questo sermone, suggeriamo che torni in dietro e scegli la versione PDF, che è già impaginata da stampare.

Si usa Ctrl +   e  Ctrl -  per cambiare la grandezza dei caratteri

email questo link

Salmo 121: Dio è il nostro aiuto

sermoni di Marco deFelice, www.aiutobiblico.org per domenica, 29 giugno, 2008 -- cmd --
Parole chiave: cura, protezione, problemi-

Fare un lungo viaggio a piedi attraverso un paese che è in guerra contro la tua patria, è un viaggio pericoloso. Bisogna stare sempre in guardia, per i tanti pericoli che ci sono. Bisogna rimanere in stretto contatto con il Comandante, per capire come procedere e come evitare i pericoli.

In realtà, noi siamo pellegrini, in viaggio, camminando attraverso questo mondo verso la nostra eterna dimora. Siamo stranieri qui, non cittadini. La nostra cittadinanza è in cielo.

Questo mondo non è la nostra casa. Abbiamo una dimora eterna che ci aspetta. Non apparteniamo a questo mondo.

In questo viaggio, essendo pellegrini, abbiamo tanto bisogno dell'aiuto del nostro Dio. I pericoli sono tanti, ci sono tante cose che possono facilmente scoraggiarci. Ci sono tante situazioni e problemi che possono farci sentire schiacciati. Possono sembrare essere dei pesi troppo grandi.

Per non essere scoraggiati, abbiamo bisogno di ricordare la cura perfetta che Dio ha per noi. Dio ha una cura perfetta di noi. Il problema è ricordare la sua cura.

Oggi, per aiutarci a ricordare la cura perfetta e costante che Dio ha per noi, vogliamo considerare insieme il Salmo 121. Questo Salmo è corto, ma le verità racchiuse in esso sono grandi, e dureranno per tutta la vita!

Iniziamo leggendo tutto il Salmo.

“1 Canto dei pellegrinaggi Io alzo gli occhi ai monti: da dove mi verrà l’aiuto? 2 Il mio aiuto viene dall’Eterno, che ha fatto i cieli e la terra, 3 Egli non permetterà che il tuo piede vacilli, colui che ti protegge non sonnecchierà. 4 Ecco, colui che protegge Israele non sonnecchia e non dorme. 5 L’Eterno è colui che ti protegge, l’Eterno è la tua ombra, egli è alla tua destra. 6 Di giorno il sole non ti colpirà, né la luna di notte. 7 L’Eterno ti custodirà da ogni male; egli custodirà la tua vita. 8 L’Eterno custodirà il tuo uscire e il tuo entrare ora e sempre.” (Sal 121:1-8 LND)

Il nostro bisogno di aiuto

Questo Salmo inizia ricordandoci che siamo pellegrini, in pellegrinaggio verso il cielo.

“1 Canto dei pellegrinaggi

Quanto è importante ricordare che questo mondo non è casa nostra! Infatti, possiamo essere facilmente scoraggiati e abbattuti quando consideriamo la nostra vita sulla terra come se fosse permanente.

Se Tu sei in viaggio, e devi trascorrere qualche notte in un albergo o in casa di qualcuno, e non funziona bene qualcosa nella stanza, il fatto che tu sai che il tuo soggiorno in quel posto è solo temporaneo ti permette di non essere aggravato di ciò che è rotto. Se invece la rottura fosse a casa tua, la stessa cosa sarebbe di più un peso.

Similmente, ma molto di più, questo mondo NON è casa nostra. Siamo solo di passaggio. È importante ricordarlo, per vedere tutto in modo equilibrato.

Tuttavia, in questo pellegrinaggio, ci sono delle difficoltà, dei pericoli, e dei momenti pesanti.

Cosa possiamo fare in questi momenti?

Torniamo al v.1 e leggiamo.

Io alzo gli occhi ai monti: da dove mi verrà l’aiuto?

Il Salmista inizia riconoscendo il suo bisogno di aiuto. A volte, il nostro orgoglio ci spinge a credere che possiamo farcela da soli.

Quanto è importante ricordare sempre che siamo deboli, che non abbiamo alcun vero controllo sugli avvenimenti della vita, e quindi, che abbiamo bisogno di aiuto! Vogliamo considerare dov'è che si cerca l'aiuto, ma prima, vogliamo riconoscere il nostro bisogno di aiuto.

Campi in cui abbiamo bisogno di aiuto.

In quali campi della vita abbiamo bisogno di aiuto?

Certamente, abbiamo bisogno di aiuto nel campo della salute fisica. In tutto il mondo, le persone cercano l'aiuto di Dio, o in quello in cui credono, per avere aiuto nei momenti in cui hanno problemi fisici. Ricco o povero che uno sia, le malattie arrivano e sono più forti degli uomini. La medicina non può curare, può solo assistere il corpo. Quindi, è facile capire che abbiamo bisogno di aiuto nei momenti di gravi malattie.

Abbiamo bisogno di aiuto nei problemi economici. Dio ha creato il mondo in modo che facilmente l'uomo può arrivare a non farcela economicamente da solo. Magari le cose possono andare bene per un certo tempo, ma poi, arriva un periodo in cui riconosciamo di non potercela fare da soli.

Abbiamo bisogno di aiuto anche nei nostri rapporti interpersonali. Non è facile veramente vivere in pace con tutte le persone che incrociamo nella nostra vita.

Ci sono anche altre situazioni, perché la vita è fatta di tanti problemi.

Però, più di qualsiasi campo, abbiamo bisogno di aiuto nella guerra contro il peccato, contro il nostro peccato. Nessuno può combattere la propria carne e vincere da solo! Abbiamo bisogno di aiuto nella battaglia di avere pensieri giusti. Quanto abbiamo bisogno di aiuto!!

La domanda da farci è: “da dove” verrà il nostro aiuto?

Avendo così tanto bisogno di aiuto, la domanda importantissima da farci è: Dove guardiamo per il nostro aiuto?

Possiamo guardare intorno, quaggiù, oppure possiamo guardare in alto.

Considerate alcuni dei che potremmo guardare per avere aiuto.

Ci sono tanti posti che uno potrebbe guardare per cercare aiuto, anzi, ci sono tanti posti che gli uomini guardano.

Prima di tutto, l'orgoglio dell'uomo lo spinge a guardare a se stesso per primo. L'uomo cerca di risolvere i suoi problemi da solo, usando i metodi della carne. Per esempio, si usano i ragionamenti propri per cercare di risolvere i problemi. Si usa la furbizia, si cerca di spingere gli altri a fare come vogliamo noi. Un esempio di questo è quel marito che diventa cattivo, o quella moglie che usa la tattica del muso lungo per cercare di forzare il marito a fare come vuole lei.

Cerchiamo di risolvere certi problemi impegnandoci di più, anche se è più di quanto possiamo fare.

Questi sono alcuni esempi di come cerchiamo aiuto in noi stessi.

Poi, facilmente si cerca aiuto negli altri. Chi negli amici, chi nella politica, chi in qualche istituzione.

Si cerca aiuto nella religione. Chi nelle pratiche, chi in qualche cosiddetto santo, chi nei riti, chi nelle buone opere.

C'è chi cerca aiuto nei soldi, credendo che avere più soldi cambierebbe la vita.

Ci sono tanti posti in cui si cerca aiuto. Però, tutti questi sono posti terreni.

Ma il vero aiuto non è terreno. Come dichiara il versetto:

“Canto dei pellegrinaggi Io alzo gli occhi ai monti: da dove mi verrà l’aiuto?” (Sal 121:1 LND)

Il Salmista guarda in su, ai monti. Sa che l'aiuto non viene dalla terra nella valle dei problemi.


Riconosce che l'aiuto viene da Dio

Il Salmista sa che esiste una fonte sola per trovare il vero aiuto. Leggo i vv.1,2

“1 Canto dei pellegrinaggi Io alzo gli occhi ai monti: da dove mi verrà l’aiuto? 2 Il mio aiuto viene dall’Eterno, che ha fatto i cieli e la terra,” (Sal 121:1-2 LND)

Ci serve vero aiuto, un aiuto potente ed efficace. Abbiamo bisogno di un aiuto sempre presente. Questo aiuto viene dall’Eterno!

Notate quello che il Salmista dichiara dell'Eterno: “che ha fatto i cieli e la terra.”

Guardiamo al Creatore di tutto l'universo come aiuto! Egli ha creato tutto, Egli è sovrano su tutto.

Che misericordia abbiamo nel nostro Dio! La nostra speranza è nell'Eterno, perché è Lui che ci aiuta. Egli ci manda l'aiuto giusto, che ci arriverà al tempo giusto, perché Egli non è mai in ritardo in quello che fa. I suoi tempi sono perfetti.

L'Eterno è il Creatore di tutto, tutto il mondo è a sua disposizione, nessuna situazione è difficile per Lui, perciò, possiamo trovare grande gioia e conforto nel nostro Signore.

Egli non permetterà che i suoi figli siano distrutti. Egli non ci abbandonerà mai!

Dove guardiamo? Non fermiamoci a guardare ai monti, guardiamo oltre, a Colui cioè che ha creato il cielo e la terra.

È vano fidarci delle creature, fidiamoci del Creatore!

Questo versetto dichiara: il mio aiuto viene dall'Eterno. Non è difficile ricordarci di questa verità nei momenti di grandi prove. Il nostro bisogno è di ricordarcelo anche nei momenti in cui tutto va bene, quando abbiamo la tendenza a fidarci di noi stessi. In realtà, l'Eterno è l'unico vero aiuto. Egli ci cura tramite le persone, ma è Dio il nostro Aiuto.

Il mio aiuto viene dall'Eterno. Questa è una forte dichiarazione. L'aiuto che mi serve viene solamente dall'Eterno!

Infatti, l'aiuto di Dio non è un aiuto teorico, che potrebbe arrivare, è un aiuto vero e valido e reale e costante. Il mio aiuto viene dall'Eterno.

Tu dichiari questo, giorno per giorno? È buono farlo.

Ricordiamoci che l'Eterno è il nostro aiuto. Guardiamo a Lui!

La cura costante di Dio

I vv.3,4 parlano della cura che Dio ha per i suoi. Leggo.

3 Egli non permetterà che il tuo piede vacilli, colui che ti protegge non sonnecchierà. 4 Ecco, colui che protegge Israele non sonnecchia e non dorme.

Per capire questo versetto, è utile ricordare che Israele era un paese pieno di monti e di valli. In tante zone, non esistevano strade, chi camminava fra i monti poteva rischiare di scivolare o vacillare, arrivando facilmente ad una brutta caduta.

Similmente, il sentiero della vita è difficile e ripido. È tanto facile cadere, e possiamo farci tanto, tanto male. Infatti, da soli, nessuno è capace di non cadere.

Nel cammino per arrivare in cielo, da solo, nessuno è capace a farcela. Nessuno può andare avanti senza cadere. Lasciati da soli, nessuno potrebbe mai sperare di arrivarci.

Grazie a Dio, Egli non ci lascia mai soli! Chi è salvato verrà curato da Dio. Egli non permette che il tuo piede vacilli! Dio terrà in piedi ogni figlio di Dio, in modo che tutti coloro che vengono salvati, arriveranno davanti a Dio per l'eternità.

Nessun pericolo può far cadere permanentemente un figlio di Dio, non perché il credente è forte, ma perché è l'Eterno che non permetterà che la persona vacilli.

Notiamo che l'Eterno protegge. Egli è potente da farti superare qualsiasi difficoltà o prova. Se Dio è per te, chi può essere contro di te? La risposta vera è: nessuno.

Avere un potente aiuto è una cosa meravigliosa, però, è importante sapere: ma è sempre sveglio? Se dovesse dormire, e non proteggerci?

Infatti, quando cerchiamo aiuto dagli uomini, compreso noi stessi, il problema è che non solo non possono sempre aiutarci, ma non possono sempre stare svegli. Ogni persona è limitata, e debole, e arriva al punto che non può andare avanti.

Dio invece non si stanca mai. Egli non sonnecchia, non dorme mai. Egli è sempre pienamente sveglio.

Dio non sonnecchierà, mai! Non esisterà mai la volta che uno cercherà Dio e Lo troverà addormentato. Dio è sempre pienamente sveglio, pienamente in controllo, e sempre pronto a curare i suoi!

Quindi, l'Eterno ti proteggerà!

Il v.4 ripete che la verità che l'Eterno, che protegge Israele, cioè i suoi figli, non sonnecchia e non dorme. Egli è sempre attento ad ogni situazione, ad ogni bisogno, ad ogni problema.

Chi crede in Dio, può dormire tranquillo, perché il Signore non dorme. Egli è sempre attento!

Notate che questa verità viene dichiarata nel v.3 e poi ripetuta nel v.4. Le grandi verità meritano di essere meditate spesso e molto.

Notate anche che nel v.3, si dichiara che Dio protegge TE, un individuo. Poi, nel v.4, dichiara che Dio protegge Israele, ovvero, il POPOLO di Dio. La cura di un individuo è la caparra che Dio curerà tutto il popolo di Dio.

È anche possibile che quando il versetto dichiara “Colui che protegge Israele” stia parlando della cura che Dio ebbe per Giacobbe, a cui poi fu dato il nome di Israele, quando stava dormendo all'aperto nel suo viaggio. Meglio dormire all'aperto, protetto da Dio, che dentro una fortezza senza la sua protezione!

Chi ha l'Eterno come il suo Dio, può viaggiare sicuro attraverso questo mondo, finché non arriva sicuro nella città celeste, per ammirare Dio nella sua gloria.

L'Eterno stesso ti protegge

Arrivando al v.5, il Salmista ci ricorda che è l'Eterno stesso che ci protegge. Di nuovo, parla direttamente ad ogni credente. Leggo.

5 L’Eterno è colui che ti protegge, l’Eterno è la tua ombra, egli è alla tua destra.

Questa verità è incredibile! È l'Eterno stesso che ti protegge!

Non è un angelo, non è un uomo. È l'Eterno stesso, il Creatore della terra e dei cieli! Egli è personalmente attivo nel proteggere ciascuno che appartiene a Lui per mezzo della fede in Cristo.

Dio non è come un grande generale che dà gli ordini, ma che non conosce personalmente la grande maggioranza dei suoi soldati.

Piuttosto, Dio è più come un padre con tanti figli. Nonostante che siano tanti, Egli conosce ciascuno di loro personalmente, e perfettamente, ed Egli stesso li cura.

Infatti, è Dio stesso che cura ogni figlio di Dio.

Per farci capire quanto la cura di Dio è perfetta e riguarda ogni aspetto della nostra vita, il Salmista dichiara: l'Eterno è la tua ombra, egli è alla tua destra.

Il fatto che l'Eterno è la tua ombra ci fa capire quanto ci è sempre vicino e presente, in ogni istante.

Qualche volta un bambino cerca di scappare dalla sua propria ombra. Cerca di correre veloce, di spostarsi bruscamente, cerca in tanti modi di staccarsi dalla sua ombra. Ma come si impara ben presto, l'ombra è sempre con te.

L'Eterno è sempre, costantemente, assolutamente con ogni credente. Egli non lascia mai uno dei suoi. Nulla, assolutamente nulla, può separarci dall'amore di Dio in Cristo Gesù! Non solo, ma nulla può separarci da Dio.

Ti sei mai chiesto perché nulla può separarci da Dio? Perché Egli è sempre con i suoi?

Niente e nessuno possono separarci da Dio, perché Gesù Cristo è stato separato da Dio per poterci salvare.

Ricordate quando Gesù era sulla croce, subendo l'ira di Dio per il nostro peccato? Ad un certo punto, Gesù gridò: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”

Gesù è stato separato da Dio Padre, affinché noi potessimo essere sempre uniti col Padre. E perciò, nulla può separarci da Dio. Egli ci cura perfettamente, ed Egli è sempre con noi, come un'ombra. Dio è proprio alla nostra destra, sempre pronto ad agire.

Il fatto che Dio è la tua ombra mostra un'altra verità di Dio. Ricordate che Israele è un paese in cui il sud è abbastanza deserto. Attraversare il deserto sotto il sole è difficile, e può essere anche pericoloso, quando picchia il sole.

In un grande deserto non ci sono alberi. Non c'è ombra. Non c'è alcun scampo dal sole che picchia.

In questi momenti, che immenso dono avere l'Eterno come ombra, che protegge dal caldo, e ristora l'anima! Come ombra, Egli sta alla tua destra, non è lontano da te, ma è sempre presente, sempre attento. Quando non esiste alcun altro riparo dal sole, Egli è là, alla tua destra, proteggendoti!

Esempio della cura di Dio

A questo punto, dopo avere dichiarato più volte che Dio ci cura, che non sonnecchia e non dorme, che ci sta sempre accanto, il Salmista inizia a parlare della profondità della cura.

6 Di giorno il sole non ti colpirà, né la luna di notte.

La cura e la protezione di Dio sono tali che comprendono sia il giorno che la notte! Quindi, è una cura costante, che dura tutta la vita. Perciò, non c'è momento in cui Dio non cura i suoi.

Di giorno, in un viaggio nel deserto, il sole è il nemico. Abbiamo già letto che l'Eterno è l'ombra per i suoi. Così, il sole non può colpire chi è protetto dall'Eterno. Come il sole non può colpire di giorno, così la luna non può colpire di notte.

La cura dell'Eterno è costante!

La cura dell'Eterno non è solo costante, è totale e perfetta. Leggo il v.7

7 L’Eterno ti custodirà da ogni male; egli custodirà la tua vita.

L'Eterno ti custodisce da ogni male. Non permette mai che qualsiasi cosa che ti colpisce non sia per il tuo bene.

Tutto quello che succede nella tua vita coopera per il tuo eterno bene, se tu sei salvato in Cristo Gesù. Questa è la stessa verità di Romani 8:28.

“Or noi sappiamo che tutte le cose cooperano al bene per coloro che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suo proponimento.” (Romani 8:28 LND)

L'Eterno ci custodisce da ogni male. È impossibile che qualcosa possa entrare nella vita di un credente che non sia per il suo bene eterno.

Satana non può scombussolare il piano che Dio ha per un credente. Il peggio che Satana ha mai fatto è stato di mettere nei cuori degli uomini di crocifiggere Cristo, eppure, era esattamente il piano di Dio, ed è avvenuto nel modo stabilito da Dio, e al momento stabilito da Dio.

Quindi, possiamo riposarci nella stupenda realtà che non ci può arrivare alcun male che non sia per il nostro bene.

Cosa vuol dire in pratica? Consideriamo per esempio quando qualcuno pecca contro di noi.

Consideriamo quando il peccato di altri ci causa del male.

Possono essere peccati di credenti, e peccati di non credenti.

Ricordate l'esempio di Giuseppe, che fu venduto dai suoi fratelli come schiavo in Egitto, e poi, il Signor e guidò gli avvenimenti in modo che fu dato autorità su tutto l'Egitto, e tramite una carestia, Dio ha portato la famiglia di Giacobbe in Egitto. Tutto faceva parte del piano di Dio di formarsi un popolo. Anche qua, vediamo un esempio della verità che nessun male può mai arrivare nella vita di un credente che non sia permesso da Dio per il bene di quella persona.

L'Eterno custodirà la tua vita.

Il versetto dichiara: l'Eterno custodirà la tua vita, ovvero, la tua anima. Dio non solo cura gli avvenimenti, ma la vita stessa.

Custodire la vita vuol dire custodire tutta la persona. Visto che Dio custodisce la vita, la sua è una cura totale, che riguarda tutta la persona.

La Parola ebraica tradotta in italiano con “vita” indica anche l'anima, e perciò, non parla solo della vita fisica, ma anche del lato spirituale ed eterno.

L'Eterno custodisce tutta la persona. Custodisce la salute, non permettendo mai una malattia sbagliata. Custodisce la mente e i pensieri. Custodisce le circostanze. E soprattutto, custodisce l'anima, eternamente.


Il v. 8 dichiara:

8 L’Eterno custodirà il tuo uscire e il tuo entrare ora e sempre.” (Sal 121:1-8 LND)

L'uscire e l'entrare possono rappresentare varie cose. Per esempio, può descrivere l'uscire di casa la mattina e l'entrare la sera. In questo esempio, i pericoli sono esterni, nel mondo. Quindi, dal momento che un credente esce dalla sicurezza fino a quando non ritorna a casa, quel credente sarà custodito dall'Eterno. Questo “entrare e uscire” è un linguaggio simbolico che indica sempre.

Il tuo uscire e il tuo entrare può anche descrivere quando un credente inizia la vita come un giovane, e completa la sua vita come un uomo già vecchio.

L'Eterno custodirà il credente in ogni momento, ora e sempre. Non mancherà mai nella sua cura. Non può succedere nulla che sia fuori dal suo controllo. Non esisterà mai alcuna situazione senza la perfetta cura e protezione dell'Eterno.

Ricordate il libro di Giobbe? Quando Satana si è presentato davanti a Dio, ci fu il seguente discorso. Notate quello che Dio aveva fatto per Giobbe fino a quel punto.

“8 L’Eterno disse a Satana: "Hai notato il mio servo Giobbe? Poiché sulla terra non c’è nessun altro come lui, che è integro retto, tema DIO e fugga il male". 9 Allora Satana rispose all’Eterno e disse: "E’ forse per nulla che Giobbe teme DIO?" 10 Non hai tu messo un riparo tutt’intorno a lui, alla sua casa e a tutto ciò che possiede? Tu hai benedetto l’opera delle sue mani e il suo bestiame è grandemente cresciuto nel paese.” (Giobbe 1:8-10 LND)

Dio aveva messo un riparo tutt’intorno a Giobbe, e nessun male poteva toccarlo. Dopo di questo, Dio ha scelto di dare a Giobbe delle prove. Però, come sempre, queste prove facevano parte della perfetta cura che Dio aveva per Giobbe, e, come ogni altra cosa nella vita di un credente, sono servite per il bene eterno di Giobbe.

Da questo esempio di Giobbe, come anche altrove nella Bibbia, vediamo ancora che l'Eterno custodisce i suoi da ogni male. Nessun male può mai arrivare nella vita di un credente che non sia permesso da Dio per il bene di quella persona. La cura di Dio è perfetta e costante e totale.

Applicazione:

Questo Salmo ci dichiara una preziosa verità, parlando della perfetta cura che Dio ha per noi.

Che cosa cambia per noi, quando meditiamo su questa verità? Perché è importante che la teniamo sempre in mente?

Cambia tutto, cambia il modo in cui viviamo, cambia lo stato del nostro cuore.

In Giov 14.1, Gesù dichiara:

“"Il vostro cuore non sia turbato; credete in Dio e credete anche in me.” (Giov 14:1 LND)

Il MODO per avere un cuore che non è turbato, il modo per avere fede in Dio Padre e anche in Gesù Cristo, è di ricordare che l'Eterno ci custodisce, in ogni situazione, in ogni momento.

Qual è il problema o la situazione difficile che stai affrontando?

Un problema di salute? Un problema in famiglia? Problemi economici?

Oppure, stai cercando di combattere pensieri sbagliati e ragionamenti storti?

Stai combattendo il tuo peccato, ma ti senti di fallire?

In queste situazioni, e in ogni altra, ricordati, l'Eterno ha cura di te! Egli ti custodisce, perfettamente. La sua cura è perfetta, la sua cura è costante, la sua cura è totale, la sua cura è potente.

Oh che ognuno di noi che è un figlio di Dio possa riflettere sempre di più sulla perfetta cura di Dio!

E a voi, grandi o piccoli che siete, che NON siete ancora figli di Dio, vi invito ad accogliere l'invito di Gesù Cristo, quando dichiara:

“Venite a me, voi tutti che siete travagliati e aggravati, ed io vi darò riposo.” (Mat 11:28 LND)

Vaia Gesù Cristo, per essere liberato dal giogo del tuo peccato! Vai a Lui, per trovare il perdono che ti serve più di ogni altra cosa!

A tutti dico: cercate il vostro riposo in Cristo Gesù!

email questo link