un sermone da Aiuto Biblico

Un sermone
dal Pastore Marco deFelice

Preghiamo che questo sermone ti sarà di aiuto a conoscere di più Dio per mezzo di Gesù Cristo, aumentando la tua fede.

Per stampare questo sermone, suggeriamo che torni in dietro e scegli la versione PDF, che è già impaginata da stampare.

Si usa Ctrl +   e  Ctrl -  per cambiare la grandezza dei caratteri

email questo link

Matteo 6:19-21 - Tesori in cielo

sermoni di Marco deFelice, www.aiutobiblico.org per mercoledì, 10 febbraio, 2010
parole chiavi: tesoro, come vivere per un vero tesoro, lo scopo della vita, come non sprecare la vita, essere ricco

Qual è il tuo tesoro? Prima di valutare considerate: che cos'è un tesoro? Abbiamo tutti visto come tesoro l'immagine di una cassa dei pirati piena di oro e gioielli. Infatti, nel mondo, tante persone associano ricchezze materiali con un tesoro.

Che cos'è un tesoro?

Ma che cos'è veramente un tesoro? Prima di tutto bisogna capire che un tesoro è quello in cui si cerca la soddisfazione, quello per il quale ci si impegna, il sogno a cui si pensa, a cui si aspira. Dieci persone possono avere dieci tesori diversi.

Per alcuni un tesoro sarebbe veramente una cassa piena di oro e gioielli, o almeno un biglietto vincente delle lotteria. In altre parole, beni materiali.

Per altri un tesoro può essere --- l'approvazione degli altri, o per alcuni un tesoro potrebbe divenire l'essere (“giudicati più”) bravi, belli o importanti dagli altri.

Per altri il tesoro potrebbe essere sentirsi potenti, oppure avere successo, per altri ancora, divertirsi molto, viaggiare o avere altre esperienze.

Ci possono essere tante altre cose che uno considera tesoro. Il punto importante è di capire che tutti abbiamo un tesoro e delle volte anche più tesori. Il nostro tesoro è quello in cui cerchiamo soddisfazione e appagamento.

Come si riconosce un tesoro

Allora, qual è il tuo tesoro? Forse la domanda migliore è: come si può riconoscere qual'è il tuo tesoro? Non sempre ci rendiamo conto di quale sia il nostro tesoro. Magari diciamo una cosa ma in realtà è qualcos'altro.

-- Ho spiegato prima che un tesoro è quello in cui cerchi la tua soddisfazione, quello per cui ti impegni, quello è il tuo sogno, quello a cui pensi, a cui aspiri.

Mentre tante persone hanno chiaro quale sia il loro tesoro, tanti altri non hanno un tesoro ben chiaro. Vogliono solo vivere alla giornata, cercando di godersi il più possibile l'oggi senza pensare al domani. Invece di un tesoro grande e ben chiaro, vogliono solo divertirsi senza dover impegnarsi troppo. Anche chi vive così ha un tesoro, o meglio dire, chi vive così ha tanti piccoli tesori, ognuno dei quali vale pochissimo. Chi vive così, anche se non se ne rende conto, considera la vita di poco valore.

Alcuni hanno un tesoro bene chiaro e si impegnano di tutto cuore a raggiungere quel tesoro. Vediamo questo per esempio in chi vuole fare carriera, in chi vuole vincere una medaglia nello sport, in chi vuole arrivare a qualche grande traguardo. Una persona così si dedica con perseveranza per raggiungere il suo tesoro.

È importante sapere che non importa se il tuo tesoro è qualcosa di chiaro e grande, o è fatto di tante piccole cose che nemmeno te ne rendi conto, in realtà quello che è il tuo tesoro determina come vivrai. Il tuo tesoro determinerà le scelte che tu farai.

Voglio ripetere questo perché è tanto importante capire. Il tuo tesoro determinerà come vivrai giorno per giorno, determinerà la tua eternità

Perciò è estremamente importante capire qual è il tuo tesoro, in modo da poter valutare se hai il Tesoro giusto.

Come riconoscere il tuo tesoro

Prima di tutto, bisogna riconoscere il proprio tesoro. Quali sono alcuni modi che abbiamo per riconoscere quali sono i nostri tesori, o il nostro tesoro?

Vi faccio qualche domanda: A che cosa pensate nei momenti liberi? Che cosa vi eccita di più, o vi dà più soddisfazione in una data settimana? Di che cosa hai piacere parlare? Che cosa vi agita di più se lo mancate di ottenerlo? Infatti, quello che ti agita è spesso legato al tuo tesoro.

Mi spiego. Quando qualcosa non ti importa, non ti agiti se succede qualcosa che la danneggia. Per esempio, se per un certo uomo la macchina è un suo tesoro, se quella macchina dovesse essere graffiata, egli sarà molto turbato. Se invece per lui la macchina non è in alcun modo un tesoro, non sarà agitato o turbato se venisse graffiata.

Se per una donna essere bella è un suo tesoro, se dovesse succedere qualcosa che per lei rovina la sua bellezza, lei sarebbe molto turbata. Se invece per una donna la bellezza esteriore non è assolutamente un suo tesoro, se capita che non è al suo meglio, anche davanti il pubblico, non ne sarà aggravata.

Se uno studente ha come tesoro avere ottimi voti, sarà molto agitato se riceve un brutto voto. Invece, se non è suo tesoro non gli peserà.

Ed è così in quasi qualsiasi campo della vita. Possiamo capire qual' è il nostro tesoro in base a quanto qualcosa può turbarci o meno. Poi, come ho detto, c'è anche il fatto che se una cosa ci eccita, o ci dà profonda soddisfazione, quella è un tesoro.

Possiamo comprendere meglio qual' è il nostro tesoro, o i nostri tesori anche in base a ciò in cui ci impegniamo più volentieri. Quando ci impegniamo ben volentieri in qualcosa, possiamo capire che quello è qualcosa molto legato al nostro cuore. Quando ci impegniamo spesso per trovare il tempo di fare qualcosa, ci aiuta a capire che quella cosa è un tesoro per noi.

Allora, torno alla domanda a ciascuno: Qual è il tuo tesoro, o i tuoi tesori?

Poi ti chiedo: il tuo tesoro è qualcosa che durerà tutta la vita e che non puoi perdere? Pensa a questo. Se hai un tesoro che puoi perdere, il tuo cuore non può mai essere pienamente soddisfatto, perché anche se riesci ad avere il tuo tesoro oggi, non sai di averlo anche domani. Per esempio, se il tuo tesoro è un'altra persona, forse il coniuge, o un figlio, tu puoi perdere quella persona e perciò hai un tesoro che puoi perdere in qualsiasi momento. Quindi è impossibile possa soddisfare il tuo cuore completamente.

Se il tuo tesoro è qualcosa di materiale, di piccolo o di grande valore, allora certamente la perderai.

Se il tuo tesoro è la gloria dagli uomini, ovvero, l'approvazione degli altri, allora devi sapere che è un tesoro che perderai sicuramente e anche quando ce l'avessi, non potrebbe mai veramente soddisfare il tuo cuore.

Il vero tesoro

A questo punto, vi faccio una domanda estremamente importante: volete un tesoro di valore infinito? Un tesoro che non si può perdere mai? Un tesoro che può soddisfare il vostro cuore profondamente? Un tesoro che dura tutta la vita e anche tutta l'eternità?

Se tu vuoi un tesoro così, sappi che c'è qualcuno che più di te vuole che tu possa avere un tesoro così.

Dio vuole che ognuno abbia questo tesoro, Dio vuole che ogni persona sia riccamente benedetta. Perciò, Dio offre all'uomo come dono l'unico tesoro che ha un valore infinito e che durerà per tutta la vita e tutta l'eternità. Non solo ha reso disponibile questo tesoro, ma Dio, nella persona di Gesù Cristo, ci comanda di afferrare questo tesoro, di ricevere questo tesoro personalmente.

Il comandamento a riguardo

Trovate con me il Vangelo di Matteo 6:19-21. Questo brano fa parte di quello che viene chiamato il sermone sul monte, uno degli insegnamenti di Gesù più lunghi e profondi. Abbiamo già considerato Matteo 5 e la prima parte di Matteo 6. Leggiamo Matt 6:19-21

“19 "Non vi fate tesori sulla terra, dove la tignola e la ruggine guastano, e dove i ladri sfondano e rubano, 20 anzi fatevi tesori in cielo, dove né tignola né ruggine consumano, e dove i ladri non sfondano e non rubano. 21 Perché dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.” (Mat 6:19-21 LND)

In questi versetti troviamo due comandamenti e una spiegazione di entrambi, più un avvertimento. Prima di tutto notate che Gesù ci comanda a di non farci tesori sulla terra. Questo è un comandamento dal nostro Creatore. Quindi non ubbidirlo è un peccato. Però è anche stoltezza, perché qualsiasi tesoro sulla terra sarà perso sicuramente.

Anziché cercare qualche tesoro sulla terra, Gesù ci comanda di fare i nostri tesori in cielo. Ci spiega poi che i tesori in cielo non saranno mai persi.

Poi Gesù ci avverte di una verità molto importante, cioè, che dov'è il nostro tesoro, là sarà anche il nostro cuore.

In altre parole, quello che è il tuo tesoro determinerà dove sarà il tuo cuore, i tuoi pensieri, dove ti impegnerai di cuore, dove sarà la tua lealtà.

Perciò, se il tuo tesoro non è nel posto giusto, il tuo cuore non sarà nel posto giusto. Anche se ti impegni nelle cose giuste, se non è il tuo tesoro, non lo farai di cuore. La tua vita sarà sprecata.

Ogni Tesoro terreno sarà perso.

Consideriamo la verità in questa dichiarazione di Gesù. Leggo il v.19

"Non vi fate tesori sulla terra, dove la tignola e la ruggine guastano, e dove i ladri sfondano e rubano,

Il principio che Gesù dichiara qua è che ogni tesoro umano sarà perso. In questo versetto, Gesù spiega alcuni modi in cui i tesori possono essere persi. Ci sono tanti altri tesori terreni e tanti altri modi per cui possono essere perduti Questo è il punto qua.

Perché è così? Perché questo mondo è sotto la condanna e perciò tutto qui sarà perso sicuramente. Questo è vero sia per tesori di origine materiale, ma anche per tesori di altri tipi, per esempio la bellezza, o la forza e l'approvazione degli altri. Tutto quello che potrebbe essere un tesoro sulla terra sarà perso per sempre.

Poi, ci sono tesori sulla terra che in realtà non sono nemmeno tesori. Possono sembrare tesori, può sembrare di avere dei veri valori, ma in realtà non hanno alcun vero valore. Il nostro cuore ci inganna facilmente. Probabilmente ogni adulto ha visto un piccolo bambino che piange perché vuole qualcosa che in realtà non vale niente. Però, in realtà non sono solo i piccoli bambini, ma anche noi adulti molto spesso desideriamo cose che in realtà non hanno alcun vero valore. Scegliamo come tesori cose che hanno l'apparenza di valore, ma sono privi di sostanza.

Quindi, prego affinché possiamo comprendere che ogni tesoro legato alla terra sarà perso. Perciò è stoltezza scegliere cose che sono legate a questo mondo come tesori. E poi, prego che possiamo comprendere che tante altre cose non hanno nemmeno valore. Perciò è vera stoltezza, oltre ad un peccato, avere come tesoro qualunque cosa sulla terra. Gesù ci comanda di non farci tesori sulla terra.

Il Tesoro in cielo dura per sempre

Dopo aver dichiarato che ogni tesoro sulla terra sarà perso, Gesù ci comanda di fare i nostri tesori in cielo, e poi dichiara che il Tesoro in cielo durerà per sempre. Leggo il v.20.

anzi fatevi tesori in cielo, dove né tignola né ruggine consumano, e dove i ladri non sfondano e non rubano.

Gesù ci comanda di fare il nostro tesoro in cielo, perché in cielo, le cose durano per sempre. In cielo tutto dura eternamente. Non esistono ladri, non esiste corruzione, non esiste ruggine. Le cose non invecchiano. Non esiste il male, non esistono errori. In cielo tutto è perfetto e sarà perfetto per sempre.

Però la cosa più meravigliosa in cielo è la presenza di Dio stesso. Dio è perfetto, Dio non cambia mai, Dio è eterno, perciò, la sua dimora è così.

Pensate: che senso ha cercare un tesoro che sicuramente si perderà eternamente, quando Dio ci offre un tesoro vero che durerà per l'eternità?

In 1Pietro 1, parlando di questo tesoro leggiamo:

“3 Benedetto sia il Dio e Padre del Signor nostro Gesù Cristo, il quale nella sua grande misericordia ci ha rigenerati, a una viva speranza per mezzo della risurrezione di Gesù Cristo dai morti, 4 per un’eredità incorruttibile, incontaminata e immarcescibile, conservata nei cieli per voi 5 che dalla potenza di Dio mediante la fede siete custoditi, per la salvezza che sarà prontamente rivelata negli ultimi tempi.” (1Pietro 1:3-5 LND)

Il vero tesoro per chi ha Cristo, è l'eredità che è riservato in cielo per noi, ed è un'eredità incorruttibile, incontaminata e immarcescibile. Questa eredità è di stare nella presenza di Dio per sempre. Questo è il tesoro che Gesù ci comanda di avere. Il cuore di Dio è incredibile! Egli vuole questo per noi.

Il cuore di Dio

Voglio leggere qualche versetto che ci dimostra di più quanto il cuore di Dio desidera che abbiamo questo tesoro, l'unico tesoro che può soddisfare pienamente e per sempre il nostro cuore.

Notiamo questo cuore in Gesù, che è Dio, in come parla con le persone. Già nel nostro brano di oggi, Matteo 6:19-21, abbiamo visto che Gesù ci comanda di fare il nostro tesoro in cielo. Ora, vi leggo quello che Gesù dichiara al giovane ricco, in Matteo 19:21. Fino a quel punto, quel uomo aveva come suo tesoro le sue ricchezze. Gesù vuole che abbia il vero tesoro. Vuole che riconosce in Gesù il suo tesoro. Leggo quello che Gesù gli dice.

“Gesù gli disse: "Se vuoi essere perfetto, va vendi ciò che hai, dallo ai poveri e tu avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi".” (Mat 19:21 LND)

Gesù gli comanda di agire in modo di porre la sua fede in Gesù e così avrebbe ottenuto un tesoro nel cielo. Questo è quel che Gesù desiderava per lui.

In Luca 12, Gesù, insegnando ai suoi discepoli, dichiara:

“Vendete i vostri beni e dateli in elemosina; fatevi delle borse che non invecchiano un tesoro inesauribile nei cieli dove il ladro non giunge e la tignola non rode.” (Luca 12:33 LND)

Di nuovo, vediamo il cuore di Dio che vuole che gli uomini hanno il vero tesoro. Dio vuole darci Se stesso.

Tramite l'apostolo Paolo, Dio dà un insegnamento per i ricchi di questo mondo, ordinando loro di non cercare un tesoro sulla terra, nelle loro ricchezze, ma piuttosto di sperare in Dio che è il vero tesoro. Vi leggo 1Timoteo 6:17

“Ordina ai ricchi di questo mondo di non essere orgogliosi, di non riporre la loro speranza nell’incertezza delle ricchezze, ma nel Dio vivente, il quale ci offre abbondantemente ogni cosa per goderne” (1Timoteo 6:17 LND)

In Ebrei 10 l'autore incoraggia i credenti per il fatto che avevano il loro tesoro in cielo. Leggo Ebrei 10:34.

“Infatti avete anche sofferto con me nelle mie catene e avete accettato con gioia di essere spogliati dei vostri beni, sapendo di avere per voi dei beni migliori e permanenti nei cieli.” (Ebrei 10:34 LND)

I beni nei cieli sono migliori e permanenti, in confronto con quelli sulla terra. Saggia è quella persona che cerca il suo tesoro in cielo.

La tua condizione terrena non è un ostacola nel cercare un tesoro in cielo. I più poveri possono essere ricchi in fede, ed avere un tesoro in cielo, come leggiamo in Giacomo 2:5

“Ascoltate, fratelli miei carissimi, non ha Dio scelto i poveri del mondo, perché siano ricchi in fede ed eredi del regno che egli ha promesso a coloro che lo amano?” (Giacomo 2:5 LND)

Anche i più poveri di questo mondo possono essere ricchi in fede e eredi del regno eterno. Benedetto sia questo Dio che ha preparato un tesoro così meraviglioso per l'uomo peccatore che si umilia, si ravvede e pone la sua fiducia in Gesù Cristo.

Corona:

Tutti i tesori di questo mondo appassiscono. Nel tempo del Nuovo Testamento, il premio nelle gare atletiche era una corona fatta di foglie di lauro. Chiaramente, mentre era molto bella al momento, durava ben poco. Era una corona corruttibile. Quanto diverso invece è la corona, ovvero il Tesoro, che Dio riserva per coloro che camminano per fede. Quella è una corona incorruttibile. In 1Corinzi 9 Paolo ci esorta di correre, ovvero vivere, in modo da ottenere questa corona. Vi leggo le parole dell'apostolo Paolo in 1Corinzi 9:24-27

“24 Non sapete voi che quelli che corrono nello stadio, corrono bensì tutti, ma uno solo ne conquista il premio? Correte in modo da conquistarlo. 25 Ora, chiunque compete nelle gare si auto-controlla in ogni cosa; e quei tali fanno ciò per ricevere una corona corruttibile, ma noi dobbiamo farlo per riceverne una incorruttibile. 26 Io dunque corro, ma non in modo incerto; così combatto, ma non come battendo l’aria; 27 anzi disciplino il mio corpo e lo riduco in servitù perché, dopo aver predicato agli altri, non sia io stesso riprovato.” (1Cor 9:24-27 LND)

Ascoltami: Quale corona stai cercando? Una corona che pur dando una soddisfazione per un breve tempo, non soddisfa a pieno il tuo cuore che appassisce e sarà persa per l'eternità? Oppure stai cercando una corona incorruttibile, che soddisferà il tuo cuore ora e per tutta l'eternità?

Come ottenere questa corona, questo tesoro

Spero che ciascuno di voi desideri il Tesoro che dura per l'eternità, il Tesoro che soddisfa il cuore, il Tesoro che dà gloria a Dio. Spero che vogliate Gesù Cristo e sempre più comunione con Lui, fino a quel giorno in cui si potrà goderLo pienamente in cielo per sempre.

Allora, sorge la domanda: come si può ottenere questa corona? Come si può avere questo tesoro? Come puoi avere Gesù Cristo stesso come il tuo tesoro?

Grazie a Dio non è complicato e non è fuori della portata di nessuna persona. Infatti, abbiamo letto prima che Dio ha scelto maggiormente i poveri di questo mondo, per ottenere ricchezze eterne. Queste ricchezze sono le gioie di stare nella presenza di Dio per sempre Abbiamo letto in 1Pietro, che i veri credenti hanno un'eredità riservata in cielo.

Allora, cosa bisogna fare per avere e per godere questo tesoro?

Semplicemente devi vivere per l'eternità. Devi avere gli occhi e il cuore fissati in avanti.

Infatti, in Matteo 6:19-21 Gesù ci comanda di non farci tesori sulla terra. Ci comanda piuttosto di farci tesori in cielo. In altre parole, bisogna vivere alla luce dell'eternità. Bisogna vivere pensando sempre a quando vedremo Gesù Cristo.

Un esempio molto chiaro di questo lo abbiamo nella vita dell'apostolo Paolo. Notiamo quello che egli dichiarò essere la sua corona in Filippesi 4:1

“Perciò, fratelli miei cari e desideratissimi, gioia e corona mia, state fermi in questa maniera nel Signore, o carissimi.” (Fil 4:1 LND)

Avete notato che quei credenti erano la corona di Paolo?

Cioè, Paolo aveva come tesoro quello che porterebbe gloria a Gesù Cristo e benedizione agli altri. Perciò, Paolo si impegnava e si dedicava ad usare i suoi doni spirituali per promuovere il regno di Dio. Quindi, avendo lui il dono di insegnare e altri simili doni, dedicava il massimo delle sue forze per portare alla salvezza altre persone e per poi fortificarle nella loro fede.

Paolo sapeva che nel giorno del giudizio, quando ogni credente si troverà davanti al Signore Gesù Cristo per rendere conto della sua vita, se avremo vissuto per la sua gloria, allora, il frutto del nostro impegno sarà una corona che riceveremo da Cristo, che potremo poi usare per onorare Cristo per tutta l'eternità!

Perciò, questi credenti erano la corona e di Paolo, perché erano frutti del suo impegno. Sentiamo una cosa simile in quello che Paolo dichiara ai credenti di Tessalonica. Vi leggo 1Tess 2:19

“Qual è infatti la nostra speranza, o gioia, o corona di gloria? Non siete proprio voi, davanti al Signor nostro Gesù Cristo alla sua venuta?” (1Te 2:19 LND)

Qual era la speranza di Paolo? Non era alcuna cosa in questo mondo, piuttosto era la corona che aspettava alla venuta di Gesù Cristo. Egli si impegnava e viveva per quel giorno, sapendo che ogni corona terrena, ogni tesoro terreno, sarà perso per sempre, mentre quello che uno riceverà nel giorno di Cristo, durerà per tutta l'eternità. Egli voleva quel tesoro, quella corona.

Desiderare Cristo

Allora voglio chiedere a ciascuno di voi: tu per te, dove è il tuo tesoro? Dove è la tua speranza? Quale corona stai cercando di raggiungere?

Stai vivendo per qualcosa che perderai per tutta l'eternità? Oppure, stai vivendo per quello che non perderai mai?

Qual è la chiave per vivere per un tesoro eterno, per una corona che durerà per tutta l'eternità?

Vi leggo 2Timoteo 4:8, sono parole di Paolo, pronunciate verso la fine della sua vita. Questo brano usa il termine “quel giorno”, che nella Bibbia indica il giorno in cui Gesù Cristo ritornerà per giudicare tutti gli uomini vissuti. Notiamo chi riceverà una corona eterna quel giorno, anziché essere condannato al tormento eterno. Leggo.

“Per il resto, mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno, e non solo a me, ma anche a tutti quelli che hanno amato la sua apparizione.” (2Timoteo 4:8 LND)

Avete notate? La meravigliosa corona che Paolo aspettava è disponibile per tutti coloro che amano l'apparizione di Gesù Cristo.

In altre parole, la chiave per avere un tesoro in cielo, che riceverai nel giorno di Cristo è semplice, è di amare l'apparizione di Gesù Cristo. Ovvero, vuol dire desiderare tanto Gesù Cristo, di avere Gesù Cristo come tuo tesoro.

Perché aggrapparti ad un tesoro che non può mai soddisfare il tuo cuore, e che sicuramente perderai, quando puoi avere Gesù Cristo come tesoro, Gesù Cristo, il Signore dei signori, Gesù che soddisfa il cuore, Gesù che è il fonte di ogni benedizione, Gesù il Buon Pastore. Chi può soddisfare il tuo cuore se non Gesù Cristo solo? Ascoltate il Salmo 73:25,26, che parla di Dio, Gesù Cristo.

“25 Chi ho io in cielo fuor di te? E sulla terra io non desidero altri che te. 26 La mia carne e il mio cuore possono venir meno, ma DIO è la rocca del mio cuore e la mia parte in eterno.” (Salmo 73:25-26 LND)

Questo sarà il cuore di ogni vero credente che sceglie di guardare a Cristo. Cristo è infinitamente superiore ad ogni tesoro terreno.

applicazione

Che cosa cambierà nella tua vita, avendo sentito tutto questo?

Se ascoltiamo la parola di Dio, ma non la mettiamo in pratica, vuol dire che siamo degli stolti, come Gesù dichiara in Matteo 7.

“24 Perciò, chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, io lo paragono ad un uomo avveduto, che ha edificato la sua casa sopra la roccia. 25 Cadde la pioggia, vennero le inondazioni, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa; essa però non crollò, perché era fondata sopra la roccia. 26 Chiunque invece ode queste parole non le mette in pratica, sarà paragonato ad un uomo stolto, che ha edificato la sua casa sulla sabbia. 27 Cadde poi la pioggia, vennero le inondazioni, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa; essa crollò e la sua rovina fu grande".” (Mat 7:24-27 LND)

Perciò, ti esorto; non riconoscere le verità della Parola di Dio e poi tornare a vivere come prima. Quello sarebbe vera stoltezza.

Piuttosto, riconosci quale sono le cose che hai considerato i tuoi tesori finora, e toglile dai piedistalli che hai messo nella tua vita.

Ricordati che un tesoro può essere qualcosa di materiale, come può essere un rapporto, può essere un certo modo di vivere, può essere una situazione che ci teniamo ad avere. Il nostro tesoro può essere come ci vediamo, come può essere come vogliamo che gli altri ci vedono.

Quindi, invito ciascuno di voi a valutare: Qual è il tuo tesoro? Oppure, quali sono i tuoi tesori? Dove vanno i tuoi pensieri? Quali sono i desideri del tuo cuore? In che cosa ti impegni? Cristo è veramente il tuo tesoro?

Ricordati delle parole di Gesù Cristo in Matteo 6:21

“Perché dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.” (Mat 6:21 LND)

Il tuo cuore sarà dove è il tuo tesoro. Se hai qualunque tesoro oltre a Gesù Cristo, vuol dire che al ritorno di Cristo, anziché una corona, sarai condannato ad un'eternità di tormento, respinto dalla presenza di Dio.

Se ti riconosci in questa condizione, e facilmente ci troviamo così, l'unica soluzione è di riconoscere questo come un peccato.

Il problema non è necessariamente che hai un tesoro che è un peccato in sé. Il problema è di avere qualsiasi cosa oltre a Cristo come il tuo tesoro.

Se ti trovi in questa condizione, riconosci che stai sbagliando alla grande, stai perdendo l'unico vero tesoro.

La soluzione è di ravvederti, riconoscere che stai disprezzando il tuo Creatore, e cercarLo con tutto il tuo cuore.

Se Cristo non è il tuo tesoro, vuol dire che non stai guardando a Cristo. Solo Egli può veramente soddisfare il tuo cuore. Cristo non serve per darti quello che soddisfa il tuo cuore, è Cristo stesso, e solo Cristo, che può soddisfare il tuo cuore, per tutta la vita, e per tutta l'eternità.

Quindi, cerca Cristo, impegnati a conoscerLo, fissa i tuoi occhi su di Lui.

Allora, avrai un tesoro in cielo, un tesoro che durerà per sempre, il tesoro che soddisferà il tuo cuore!

Non è detto che il tuo tesoro sia un peccato. È il fatto che prendi qualcosa e lo metti al primo posto, quando quel posto appartiene al tuo Creatore, Gesù Cristo.

È giusto apprezzare le benedizioni di Dio, ma non dobbiamo mai permettere che una benedizione diventi un nostro tesoro.

Quindi, se tu riconosci che qualcosa ti è tesoro, confessalo a Dio.

Se è qualcosa che non serve nella tua vita, spesso la cosa migliore è di toglierlo dalla vita. Per esempio, se è qualcosa di materiale, è da ridimensionare drasticamente il tuo rapporto con quella cosa. Spesso, potrebbe essere il caso di disfartene. In altre casi, potrebbe essere di controllare tantissimo quanto tempo ti permetti di pensarci o essere coinvolto con quella cosa.

Se riguarda altri discorsi, in certi casi, potrebbe essere il caso di smettere di passare tempo come prima con certe compagnie.

Se è una certa attività, per esempio uno sport, o qualcosa di simile, spesso la cosa migliore è di abbandonarla. Oh! Che possiamo capire il pericolo di avere un tesoro diverso da Gesù Cristo. Oh! Che possiamo essere pronti di fare qualunque cosa necessario per non avere più come tesori qualunque cosa.

Però, togliere i tesori sbagliati non ci fa avere il tesoro giusto. Dobbiamo guardare di più a Cristo, desiderare di più Cristo, amare di più Gesù Cristo, Colui che ha dato Se stesso per salvarsi un popolo speciale, zelante nelle opere buone, un popolo che ama la Sua apparizione.

Il modo di amare di più Gesù Cristo è di comprendere di più l'amore di Dio per noi in Cristo. Noi amiamo Dio perché Dio ci ha amati per primo.

Voglio chiudere, con le parole dell'apostolo Paolo in Efesini 3:7-14. Prego che questo sarà il cuore di ogni persona che ascolta o legge queste parole.

“7 Ma le cose che mi erano guadagno, le ho ritenute una perdita per Cristo. 8 Anzi, ritengo anche tutte queste cose essere una perdita di fronte all’eccellenza della conoscenza di Cristo Gesù mio Signore, per il quale ho perso tutte queste cose e le ritengo come tanta spazzatura per guadagnare Cristo, 9 e per essere trovato in lui, avendo non già la mia giustizia che deriva dalla legge, ma quella che deriva dalla fede di Cristo: giustizia che proviene da Dio mediante la fede, 10 per conoscere lui, Cristo la potenza della sua risurrezione e la comunione delle sue sofferenze, essendo reso conforme alla sua morte, 11 se in qualche modo possa giungere alla risurrezione dai morti. 12 Non che io abbia già ottenuto il premio, o sia già arrivato al compimento, ma proseguo per poter afferrare il premio, poiché anch’io sono stato afferrato da Gesù Cristo. 13 Fratelli, non ritengo di avere già ottenuto il premio, ma faccio una cosa: dimenticando le cose che stanno dietro e protendendomi verso le cose che stanno davanti, 14 proseguo il corso verso la méta verso il premio della suprema vocazione di Dio in Cristo Gesù.” (Fil 3:7-14 LND)

Preghiera: facci vedere di più Gesù Cristo.

email questo link