un sermone da Aiuto Biblico

Un sermone
dal Pastore Marco deFelice

Preghiamo che questo sermone ti sarà di aiuto a conoscere di più Dio per mezzo di Gesù Cristo, aumentando la tua fede.

Per stampare questo sermone, suggeriamo che torni in dietro e scegli la versione PDF, che è già impaginata da stampare.

Si usa Ctrl +   e  Ctrl -  per cambiare la grandezza dei caratteri

email questo link

Un Cuore Soddisfatto

Sermoni di Marco deFelice, www.aiutobiblico.org per domenica, 5 febbraio, 2012 ---- cmd -----
Parole chiave: salvezza, perdono, vita eterna, il Vangelo, cuore soddisfatto, vera gioia

Che cosa hanno in comune un giovane appassionato di sport, una mamma molto dedicata a curare la sua famiglia, un uomo di affari che sacrifica la famiglia per fare carriera, e un vecchio che passa la giornata in bar giocando a carte con gli amici?

Potrebbe sembrare che c'è poco in comune fra queste persone così diverse. Ma in realtà, ognuno di loro si impegna a cercare la stessa cosa. Nonostante che la cercano in modi molto diversi, tutti vogliono la stessa cosa.

Ma che cosa cercano? Cercano la stessa cosa che cerchi tu.

Allora, che cosa vuoi? Che cosa desideri veramente? Probabilmente penserai a tante risposte, ma forse non sai che ciò che tu cerchi, come ogni altra persona, è un cuore veramente soddisfatto.

In realtà, stiamo tutti cercando un cuore soddisfatto. Cerchiamo di averlo in tanti modi e in tante cose, ma ciò che vogliamo ottenere è un cuore soddisfatto!

In realtà, siamo nati con un grande vuoto nel nostro cuore. Dio ci ha creato con un vuoto nel nostro cuore, e ogni persona cerca di riempire questo vuoto.

Infatti, ciò per cui si impegniamo, che sia divertimento, soldi, potere, una vita tranquilla, successo, famiglia, o qualsiasi altra cosa legata a questo mondo, è il mezzo che crediamo ci darà un cuore soddisfatto. Si potrebbe dire che stiamo cercando di comprare un cuore soddisfatto tramite questi mezzi, ognuno il suo.

Ci impegniamo per qualcosa, ma in realtà, ciò che stiamo cercando, anche se non ce ne rendiamo conto, è un cuore soddisfatto.

Però, anche se tu riesci ad ottenere ciò che vuoi, quella cosa non soddisferà il tuo cuore. Il tuo cuore rimarrà comunque vuoto e perciò non avrai mai la vera gioia.

Infatti, un cuore veramente soddisfatto ha vera gioia. Però, non troveremo mai vera gioia nelle cose di questo mondo. La vera gioia, la gioia che dura per sempre, non è legata a questo mondo. Questo è perché tutto ciò che possiamo ottenere in questo mondo non ci riempie, e poi, sarà perso per sempre.

Tutto ciò che appartiene a questo mondo sarà perso.

I soldi e tutte le cose materiali finiranno. I rapporti con le persone a noi care finiranno, o con la morte o per problemi nel rapporto. Il potere e il successo finiranno. L'approvazione degli altri finirà. Tutto ciò che appartiene a questo mondo finirà.

E quindi, le cose di questo mondo non possono soddisfarci, e per questo, basta guardare intorno e riconoscerai che l'uomo è sempre alla ricerca, non riesce mai a fermarsi nella sua ricerca di ciò che finalmente soddisferà il suo cuore per sempre.

Questa ricerca senza fine è stancante, e in più, crea molto conflitto con gli altri, perché spesso gli altri ci ostacolano da ottenere ciò che crediamo soddisferà il nostro cuore. Leggiamo di questo conflitto nella Bibbia nel libro di Giacomo Vi leggo Giacomo 4:1-4

“1 Da dove vengono le guerre e le contese fra voi? Non provengono forse dalle passioni che guerreggiano nelle vostre membra? 2 Voi desiderate e non avete, voi uccidete e portate invidia, e non riuscite ad ottenere; voi litigate e combattete, e non avete, perché non domandate. 3 Voi domandate e non ricevete, perché domandate male per spendere nei vostri piaceri. 4 Adulteri e adultere, non sapete che l’amicizia del mondo è inimicizia contro Dio? Chi dunque vuole essere amico del mondo si rende nemico di Dio.” (Giacomo 4:1-4 LND)

I conflitti nel mondo, sia fra le nazioni, sia in casa e al lavoro, sono causati dal fatto che ognuno sta cercando qualcosa che possa soddisfare il suo cuore, e non riesce a trovarlo.

Il Posto Giusto

Non troveremo mai la vera soddisfazione nelle cose di questo mondo. Questo è perché noi siamo stati creati da Dio come un'anima vivente, e abbiamo l'eternità nei nostri cuori. Siamo stati creati per l'eternità, come leggiamo nella Parola di Dio, in Ecclesiaste 3:11.

“Egli (Dio) ha fatto ogni cosa bella nel suo tempo; ha persino messo l’eternità nei loro cuori, senza che alcun uomo possa scoprire l’opera che DIO ha fatto dal principio alla fine.”
(Ecclesiaste 3:11)

Dio ha creato tante cose belle nella vita, che tu puoi godere, ma queste cose non potranno mai soddisfarti pienamente, perché Dio ha messo l'eternità nel tuo cuore. In altre parole, Dio ti ha creato con un vuoto che solo Lui, il Dio Eterno, può riempire. Anche se tu potessi ottenere tutto ciò che il mondo offre, se rimani senza Dio, rimarrai comunque con un vuoto nel tuo cuore, e molto peggio ancora, avrai davanti a te un'eternità terribile, lontano da Dio, in tormento.

Al riguardo, Gesù Cristo dichiara, nel Vangelo di Marco 8:

“che gioverà infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde l’anima sua?” (Marco 8:36 LND)

Se uno potesse guadagnare tutto il mondo, cioè tutto ciò che desidera, ma poi rimane separato da Dio, perderà tutto, e poi passerà l'eternità in tormento, e tutto ciò che aveva guadagnato non gli gioverà nulla.

Perciò, NULLA che fa parte di questo mondo può soddisfare il tuo cuore fino in fondo. Eppure, Dio ci ha creato per avere la vera gioia.

Solo in Dio possiamo trovare questa gioia. Però, di natura siamo separati da Dio, siamo senza Dio, perché siamo peccatori.

Il nostro Peccato

Infatti, uno dei nostri peccati peggiori è che cerchiamo la soddisfazione al di fuori di Dio. Questa è una grande offesa a Dio. Perciò, siamo veramente colpevoli nei suoi confronti.

Solitamente, quando pensiamo ai peccati, pensiamo alle cose brutte che si fanno contro le altre persone. E certamente, quelli sono peccati. Inoltre, tendiamo a pensare ai peccati di cui non siamo molto colpevoli in modo che, secondo il nostro metro, crediamo di andare abbastanza bene davanti a Dio.

Però in realtà, siamo molto più colpevoli di quanto pensiamo. E poi, i più gravi peccati non sono quelli compiuti contro le altre persone, sono i nostri peccati contro Dio stesso.

Per capire il peccato contro Dio, consideriamo il comandamento più importante di tutti. Essere colpevole di questo comandamento vuol dire essere gravemente colpevoli nei confronti di Dio.

Gesù Cristo stesso ci dichiara qual è il comandamento più grande nel Vangelo di Marco 12:28-31

“28 Allora uno degli scribi che aveva udita la loro discussione, riconoscendo che egli aveva loro risposto bene, si accostò e gli domandò: "qual è il primo comandamento di tutti?". 29 E Gesù gli rispose: "il primo comandamento di tutti è: "ascolta, Israele: il Signore Dio nostro è l’unico Signore," 30 e: "ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza". Questo è il primo comandamento. 31 E il secondo è simile a questo: "ama il tuo prossimo come te stesso". Non vi è alcun altro comandamento maggiore di questi".” (Marco 12:28-31 LND)

Dio ci offre perdono

Nessuno potrebbe dire di amare Dio così! Siamo molto colpevoli! Peggio ancora, abbiamo l'orgoglio di credere di essere buoni e bravi.

Quanto grande è il nostro peccato nei confronti di Dio!

Eppure, Dio ci offre il perdono, ci offre la vera salvezza. Dio ama salvare, Dio ama darci la vera gioia in Cristo Gesù.

Nella Parola di Dio, Gesù Cristo ci insegna come avere la vera gioia.

Per esempio, in Giovanni 15, Gesù Cristo ci insegna la necessità di dimorare in Lui, e afferma che solamente così possiamo portare frutto per la gloria di Dio. Poi, in seguito dichiara, nel v.11:

“vi ho detto queste cose, affinché la mia gioia dimori in voi e la vostra gioia sia piena.” (Giovanni 15:11 LND)

Gesù ci offre la sua gioia, una gioia piena. Questa gioia ci arriva solo se dimoriamo in Gesù Cristo. Ovvero, arriva quando riconosciamo il nostro peccato, e crediamo in Gesù Cristo come Unico Salvatore, e dimoriamo in Lui giorno per giorno, che vuol dire avere Gesù come il nostro tesoro e seguirLo in ogni campo della vita.

Quando abbiamo il perdono di Dio e dimoriamo in Cristo, allora vivremo per portare frutto per la gloria di Dio, frutto che dura in eterno. Ovvero, vivremo non più per noi stessi, ma per portare gloria a Dio. Infatti, nello stesso brano, Gesù dichiara:

“non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi; e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto, e il vostro frutto sia duraturo, affinché qualunque cosa chiediate al Padre nel mio nome, Egli ve la dia.” (Gv 15:16 LND)
“finora non avete chiesto nulla nel mio nome; chiedete e riceverete, affinché la vostra gioia sia completa.” (Gv 16:24 LND)

Gesù vuole che abbiamo gioia completa, ma quella gioia arriva solamente se siamo riconciliati con Dio, per poter dimorare in Cristo, e poi, per portare frutto duraturo, cioè, un frutto che porta gloria a Dio e dura per l'eternità. Dobbiamo pregare di poter portare frutto per Dio.

Quindi, Dio ci ha creati per l'eternità. Finché viviamo come vogliamo noi, cercando la soddisfazione in questo mondo, siamo in ribellione contro Dio, e non avremo mai un cuore soddisfatto, e peggio ancora, davanti a noi ci attende il giudizio e la condanna. Ci serve il perdono in Cristo Gesù, per poter dimorare in Lui, vivendo per Dio. Allora il nostro cuore sarà soddisfatto, e avremo la gioia di Dio.

Come avere la gioia di Dio

Se tu hai già ricevuto Gesù Cristo, valuta ciò che hai, e valuta se stai veramente dimorando in Cristo. Se invece tu NON hai ancora riconosciuto il tuo peccato, per poi aggrapparti a Gesù Cristo come Salvatore e Signore, ascolta, per capire come puoi avere questo perdono.

Consideriamo: come possiamo avere la vera gioia, la gioia che soddisfa veramente il nostro cuore? Ovvero, come possiamo essere perdonati dai nostri peccati, per essere riconciliati con Dio? Solo così potremo avere la gioia di Dio!

Il primo passo è di riconoscere quanto siamo peccatori davanti a Dio.

Finché ci confrontiamo con gli altri, crederemo di essere abbastanza buoni. Il problema è che al giudizio Dio non ci confronterà con gli altri. Ci confronterà con la santità di Gesù Cristo.

Il metro di Dio è la perfezione, una santità perfetta. Infatti, nella Parola di Dio leggiamo che anche se abbiamo peccato sola una volta, siamo colpevoli agli occhi di Dio. Vi leggo dall'Epistola di Giacomo 2:

“10 Chiunque infatti osserva tutta la legge, ma viene meno in un sol punto, è colpevole su tutti i punti. 11 Difatti, colui che ha detto: "non commettere adulterio," ha anche detto: "non uccidere". per cui se tu non commetti adulterio ma uccidi, sei trasgressore della legge.” (Giacomo 2:10-11 LND)

Alla luce di questo, siamo tutti colpevoli. Il nostro peccato ci porta ad essere separati da Dio, e destinati alla morte eterna, la separazione eterna da Dio. In Romani 6:23 leggiamo:

“infatti il salario del peccato è la morte... ” (Romani 6:23 LND)

Il salario del peccato è la morte, anche un solo peccato ci fa essere peccatori, e questo ci fa essere colpevoli, soggetti alla morte, ovvero, alla separazione eterna da Dio.

Dio ha mandato Gesù Cristo per salvare, non tutti, ma coloro che si riconoscono come veri peccatori. Ascoltate ciò che Gesù dichiara per quanto riguarda il motivo per cui è venuto al mondo:

“E Gesù, udito ciò, disse loro: "non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a ravvedimento".” (Marco 2:17 LND)

Gesù è venuto per salvare dei peccatori. Questo vuol dire che Gesù è venuto solo per chi si riconosce di essere un peccatore veramente colpevole davanti a Dio.

Quanto spesso combattiamo per difenderci, quanto facilmente ci dà fastidio se gli altri ci giudicano male! Però, la salvezza arriva so se ci vediamo come Dio ci vede, e Dio ci vede come peccatori.

Se riconosciamo la grandezza del nostro peccato, e la gravità della nostra condizione, e vogliamo Cristo più di qualsiasi cosa, allora, possiamo credere in Gesù Cristo come il Salvatore che può salvarci.

La salvezza arriva quando la vogliamo più di qualsiasi altra cosa. Un brano che descrive questa verità è Matteo 13:44-46. Qui, la salvezza è chiamata il regno dei cieli.

“44 "Di nuovo, il regno dei cieli è simile ad un tesoro nascosto in un campo, che un uomo, avendolo trovato. nasconde; e, per la gioia che ne ha, va, vende tutto ciò che ha e compera quel campo. 45 Ancora, il regno dei cieli è simile ad un mercante che va in cerca di belle perle. 46 E, trovata una perla di grande valore, va, vende tutto ciò che ha, e la compera.” (Matteo 13:44-46 LND)

Non c'è nulla nella vita che è paragonabile alla salvezza. La salvezza ci libera dalla nostra colpa nei confronti con Dio, dandoci il perdono per i nostri peccati per mezzo di Gesù Cristo. Ci fa essere riconciliati con Dio per mezzo di Gesù Cristo.

Quando Dio salva qualcuno, lo fa diventare un vero figlio di Dio. Tanti dicono che siamo tutti figli di Dio, ma nella Bibbia, scopriamo che non è così. La Parola di Dio ci insegna che solo riconoscendosi di essere un peccatore perduto, e ravvedendosi e credendo in Gesù Cristo, si riceve il perdono e si diventa un figlio di Dio.

Chi viene salvato riceve la promessa di passare l'eternità con Dio, nella gioia perfetta. Inoltre, Dio gli promette che durante questa vita, Dio sarà sempre con lui, e non lo abbandonerà mai.

Pensate: che stupendo avere il Sovrano Signore dell'Universo da parte tua, controllando ogni cosa per il tuo eterno bene! Quel bene non è una vita più facile sulla terra, non è la guarigione da ogni malattia, non è l'assenza di problemi in questa vita. Infatti, le difficoltà e i problemi sono strumenti nelle mani di Dio che Egli usa per preparare i suoi per l'eternità con Lui in cielo, nella gioia eterna.

Quando uno ha la salvezza, ha Gesù Cristo stesso che sta alla destra di Dio, intercedendo per lui. Leggiamo di questa meravigliosa promessa in Romani 8, scritta a coloro che avevano ricevuto il perdono e la salvezza in Cristo:

“33 chi accuserà gli eletti di Dio? Dio è colui che li giustifica. 34 chi è colui che li condannerà? Cristo è colui che è morto, e inoltre è anche risuscitato; egli (Gesù) è alla destra di Dio, ed anche intercede per noi,” (Romani 8:33-34 LND)

Pensate cosa vuol dire aver Cristo stesso che intercede per te. Questa è la realtà per chi ha Gesù Cristo come il suo Salvatore e Signore!

Un altro beneficio meraviglioso della vera salvezza è quello di avere libero accesso a Dio stesso nella preghiera. Dio è santissimo, e noi uomini peccatori non potremmo mai entrare nella sua presenza per merito nostro. Però, in Gesù Cristo, abbiamo l'Unico Mediatore, che ci dà libero accesso al trono della grazia, ovvero, al trono di Dio. Gesù Cristo, è il Sommo Sacerdote per chi ha ricevuto il perdono e la salvezza. Leggo da Ebrei 4:14-16, scritto a chi ha veramente Gesù Cristo:

“14 avendo dunque un gran sommo sacerdote che è passato attraverso i cieli, Gesù, il Figlio di Dio, riteniamo fermamente la nostra confessione di fede. 15 Infatti, noi non abbiamo un sommo sacerdote che non possa simpatizzare con le nostre infermità, ma uno che è stato tentato in ogni cosa come noi, senza però commettere peccato. 16 Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, affinché otteniamo misericordia e troviamo grazia per ricevere aiuto al tempo opportuno.” (Ebrei 4:14-16 LND)

Avete sentito? Chi ha Gesù Cristo personalmente ha libero accesso al trono della grazia, ovvero, alla presenza di Dio stesso, per ottenere misericordia e trovare la grazia di ricevere l'aiuto necessario al tempo opportuno. Che beneficio stupendo!

Ci sono tanti altri benefici, che valgono più della vita stessa. Però, ricordiamo che oltre a tutti i benefici che possiamo godere mentre siamo in questa vita, il più grande beneficio è la certezza di stare nella presenza di Dio nell'amore per tutta l'eternità. Senza Cristo, il nostro destino è di passare tutta l'eternità in tormento, lontano dalla presenza di Dio. Con Cristo, abbiamo l'eternità con gioia nella presenza di Dio. Che meravigliosa salvezza per chi ha Cristo!

Avere il cuore soddisfatto

Allora, ho iniziato parlando del fatto che ogni persona nel mondo cerca un cuore soddisfatto.

Dio ci ha creati per cercare la soddisfazione in Lui. Invece, di natura giriamo le spalle a Dio, e cerchiamo la soddisfazione al di fuori di Lui, e per questo, siamo peccatori, separati da Dio, sotto condanna.

Inoltre, cercando la soddisfazione al di fuori di Dio ci porta a peccare in tanti modi diversi. Siamo pieni di orgoglio, anziché l'umiltà che Dio comanda. Siamo peccatori, separati da Dio.

In questa condizione, ci aspetta il giudizio e la condanna eterna, e la punizione eterna. Alla luce di questo, nulla che è in questo mondo può darci la gioia nel cuore.

Invece, se riconosci quanto grave è il tuo peccato, e se ti aggrappi di cuore a Gesù Cristo come l'Unico che può salvarti, allora Dio ti perdonerà, e diventerai un vero figlio di Dio, sarai riconciliato con Dio e godrai i meravigliosi benefici che ho menzionato prima, e tanti altri, e avrai l'eternità con gioia nella presenza di Dio.

Chi ha già Cristo

Allora, ci sono due gruppi di persone nella vita.

Ci sono coloro che per anni vivevano senza Cristo, che erano sotto condanna per i loro peccati, senza Dio e senza speranza. Però, Dio ha aperto i loro occhi, e hanno visto la gravità della loro condizione, si sono ravveduti, e hanno creduto in Gesù Cristo come Salvatore e Signore. Ora, sono perdonati, sono diventati figli di Dio, e hanno la viva speranza dell'eternità con Dio.

A voi che siete in questa categoria voglio dire:

Noi abbiamo tutto! Come dichiara in Efesini 1:3, abbiamo di ogni benedizione spirituale nei luoghi celesti in Cristo Gesù. Abbiamo ogni motivo di gioire in ogni circostanza, di odiare il nostro peccato e di vivere con gioia in attesa di Cristo!

Eppure, a volte, anziché guardare alle benedizioni innumerevoli che abbiamo in Cristo, o guardiamo alle false promesse che il mondo ci dà, e ci impegniamo inutilmente in ciò che non può soddisfare, oppure ci lasciamo prendere dai problemi e dai pesi, non ricordando chi siamo in Cristo, non ricordando la cura perfetta che Dio ha di noi, non ricordando le preziose promesse di Dio.

Abbiamo bisogno di pregare quello che Paolo prega in Efesini 1:15-21

“15 Perciò anch’io, avendo udito della vostra fede nel Signore Gesù e del vostro amore verso tutti i santi, 16 non cesso mai di rendere grazie per voi, ricordandovi nelle mie preghiere, 17 affinché il Dio del Signor nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia lo Spirito di sapienza e di rivelazione, nella conoscenza di lui, 18 e illumini gli occhi della vostra mente, affinché sappiate qual è la speranza della sua vocazione e quali sono le ricchezze della gloria della sua eredità tra i santi, 19 e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi che crediamo secondo l’efficacia della forza della sua potenza, 20 che egli ha messo in atto in Cristo risuscitandolo dai morti e facendolo sedere alla sua destra nei luoghi celesti. 21 al di sopra di ogni principato, potestà, potenza, signoria e di ogni nome che si nomina non solo in questa età, ma anche in quella futura,” (Efesini 1:15-21 LND)

Vi leggo anche la preghiera di Efesini 3:14-21

“14 Per questa ragione, io piego le mie ginocchia davanti al Padre del Signor nostro Gesù Cristo, 15 dal quale prende nome ogni famiglia nei cieli e sulla terra, 16 perché vi dia, secondo le ricchezze della sua gloria, di essere fortificati con potenza per mezzo del suo Spirito nell’uomo interiore, 17 perché Cristo abiti nei vostri cuori per mezzo della fede, 18 affinché, radicati e fondati nell’amore, possiate comprendere con tutti i santi quale sia la larghezza, la lunghezza, la profondità e l’altezza, 19 e conoscere l’amore di Cristo che sopravanza ogni conoscenza, affinché siate ripieni di tutta la pienezza di Dio. 20 Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo, 21 a lui sia la gloria nella chiesa in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli. Amen.” (Efesini 3:14-21 LND)

Se noi possiamo comprendere queste verità, avremo gioia in ogni prova, come dichiara 1Pietro 1:3-9. Viviamo così trovando la vera soddisfazione in Gesù Cristo!

Quindi, se tu hai già Cristo, non sprecare la tua vita. Non trascurare le ricchezze delle benedizioni che hai in Cristo. Pensa spesso, tutti i giorni, a chi sei in Cristo, e a chi è Gesù Cristo per te, e a ciò che hai in Lui. Pensa uno ad uno ai meravigliosi benefici e alle preziose promesse che hai in Gesù Cristo. Dimora in Cristo Gesù, riconoscendo e confessando i tuoi peccati ogni giorno, in modo da portare frutto che durerà per l'eternità, alla gloria di Dio.

Allora il tuo cuore abbonderà di gioia, e il tuo cuore conoscerà la soddisfazione che hai in Cristo. Allora, la tua vita conterà per l'eternità!

Voi che non avete Cristo

Ho detto che ci sono due gruppi di persone. Ci sono coloro che non avevano Cristo, ma ora, hanno ricevuto il perdono, e hanno Gesù Cristo e la salvezza eterna.

Poi, ci sono coloro che ancora vivono senza Cristo. Magari, tu sei fra questo gruppo. Forse tu sei molto religioso. Però, la religione non ti fa avere Cristo. Nessuno arriva a Dio perché è religioso. Si arriva a Dio solamente se si sa di essere veramente un peccatore, separato da Dio, e di avere bisogno di Gesù Cristo come unica via per arrivare a Dio.

Se tu sei ancora senza il vero perdono in Cristo, se tu non ha riconosciuto la tua situazione, il fatto di essere un peccatore e che hai il giudizio davanti a te, un giudizio che non potrai mai superare per conto tuo, allora, ti esorto: cerca Dio con tutto il tuo cuore, finché c'è tempo!

L'unico modo per trovare Dio è di umiliarti e di cercarLo con tutto il tuo cuore.

Se tu cerchi Dio così, con tutto il tuo cuore, per mezzo dell'unica via che Dio ha stabilito nella Sua Parola, la via di Gesù Cristo, allora tu troverai Dio, sarai perdonato, e avrai la vita eterna. Troverai Colui che può veramente soddisfare il tuo cuore.

Quindi, se tu non hai Gesù Cristo personalmente, non rimandare! CercaLo, con tutto il tuo cuore! Che tu abbia già sentito questo messaggio tante volte, o che oggi sia la prima volta che lo senti, non rimandare. Cerca Dio con tutto il tuo cuore. Informati, dalla Parola di Dio, di ciò che Dio dichiara della tua condizione e della tua eternità. Non prendere per scontato ciò che sarà la tua eternità. Cerca Dio. Siamo qua per aiutarti!

Grazie a Dio, che offre il perdono e la salvezza a uomini peccatori come noi. In Cristo Gesù, Dio ci offre la vera vita, per tutta l'eternità, e un cuore veramente soddisfatto in Cristo, con la gioia eterna.

Viviamo per l'eternità. Solo così avremo un cuore soddisfatto!

email questo link